Lucio Adalberto Caruso, Recensione a P. Ridola, Stato e Costituzione in Germania, Torino, G. Giappichelli, 2016, pp. 149.

Il Volume di Paolo Ridola scaturisce dall’intento di ripercorrere le più importanti elaborazioni scientifiche della giuspubblicistica tedesca del XIX e del XX secolo attraverso un viaggio, condotto non tanto con la pretesa di offrire un quadro accademicamente completo della riflessione su Stato e Costituzione, ma piuttosto con l’intento di condividere l’itinerario personale di studio e ricerca che, in maniera trasversale, della cultura tedesca ha abbracciato la letteratura e la filosofia ancor prima del versante giuridico.

Quattro punti cardinali, in particolare, orientano la deutsche Reise dell’Autore (così egli stesso la definisce nella sua introduzione, a p. VI). L’analisi spazia così dalla nascita del Reich guglielmino – cui la prima sistematizzazione dello Staatsrecht tedesco è contemporanea – all’approvazione della Costituzione della Repubblica di Weimar. Da ultimo, le disamine del rapporto fra Costituzione e democrazia e del concetto di “spazio pubblico” conducono agli approdi della dottrina giuspubblicistica tedesca più recente. […]

Scarica il testo in formato PDF

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Print this pageEmail this to someone
Questa voce è stata pubblicata in: Rassegne critiche, recensioni, schede e contrassegnata con Lucio Adalberto Caruso, Nomos 1/2017, Recensioni. Contrassegna il Permalink.