Marco Mandato e Giuliaserena Stegher, Un quadrimestre di attesa . Il sistema istituzionale italiano tra fallimenti costituzionali e tentativi di rilancio

ll disegno di legge di revisione costituzionale cd. “Renzi-Boschi” (approvato in via definitiva dalla Camera dei Deputati il 12 aprile 2016) si poneva l’obiettivo di introdurre modifiche sostanziali all’assetto istituzionale della Repubblica, attraverso il superamento del bicameralismo perfettamente paritario e una maggiore razionalizzazione del rapporto tra gli organi attivi.

Il Senato sarebbe divenuto, come previsto dal Legislatore costituzionale, una Camera rappresentativa degli enti territoriali, con una posizione a volte paritaria a volte subordinata nel procedimento legislativo rispetto a quella della Camera dei Deputati, la sola ad essere eletta a suffragio diretto e titolare del rapporto fiduciario con il Governo. A ciò, si aggiunga che ulteriori propositi erano quelli di ridefinire il rapporto centro-periferia, favorendo l’eliminazione della competenza concorrente e la ricentralizzazione delle competenze in capo allo Stato.

Le relazioni tra il Legislatore statale e quelli regionali, infatti, sono divenute altamente conflittuali, come dimostrato dal cospicuo numero di pronunce del Giudice delle leggi, a partire dall’entrata in vigore della riforma del Titolo V, unanimemente criticata dalla dottrina costituzionalistica. […]

Scarica il testo in formato PDF

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Print this pageEmail this to someone
Questa voce è stata pubblicata in: cronache costituzionali italiane, Nomos e contrassegnata con cronache, Marco Mandato e Giuliaserena Stegher, Nomos 1/2017. Contrassegna il Permalink.