Ilmira Galimova, Recensione a G. Azzariti, Contro il revisionismo costituzionale. Tornare ai fondamentali, Roma-Bari, Laterza, 2016, pp. 260.

Il volume Contro il revisionismo costituzionale di Gaetano Azzariti affronta il problema della trasformazione delle categorie che hanno attraversato il movimento storico del costituzionalismo moderno e che sono alla base delle democrazie contemporanee. L’Autore del libro è professore ordinario di “Diritto Costituzionale” presso la Facoltà di Giurisprudenza dell’Università “La Sapienza” e direttore della rivista on line Costituzionalismo.it. Ha prodotto in precedenza diversi volumi, tra quali Critica della democrazia identitaria (2005), Diritto e conflitti.

Lezioni di diritto costituzionale (2010), e Il costituzionalismo moderno può sopravvivere? (2013). Le sue opere, inclusa quella oggetto di recensione, sono ispirate all’idea di rivalutare la teoria di costituzionalismo, pertanto condividono una sensazione di intensa preoccupazione di fronte ai cambiamenti che rischiano di stravolgere i principi e le conquiste della civiltà occidentale. Il fatto che la pubblicazione del libro sia avvenuta all’inizio dell’anno scorso, in un contesto politico-intellettuale caratterizzato dalla campagna sulla riforma costituzionale Renzi-Boschi, ci può spingere a pensare che il volume fosse stato ideato come una sorta di “manifesto in difesa della Costituzione” contro la sua revisione “reazionaria”. […]

Scarica il testo in formato PDF

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Print this pageEmail this to someone
Questa voce è stata pubblicata in: Nomos, Rassegne critiche, recensioni, schede e contrassegnata con Ilmira Galinova, Nomos 1/2017, Recensioni. Contrassegna il Permalink.