Giuliaserena Stegher,L’elezione di Salvatore Torrisi alla Presidenza della I Commissione Affari Costituzionali del Senato

Lo scorso 5 aprile, la I Commissione Affari Costituzionali del Senato è nuovamente tornata sotto i riflettori della cronaca politico-parlamentare. Dopo mesi di gestione ad interim da parte dei Senatori Fazzone (Forza Italia) e Torrisi (Alternativa popolare), si è deciso di procedere all’elezione di un sostituto della Senatrice Finocchiaro. La stessa era stata infatti nominata Ministro per i Rapporti con il Parlamento, a seguito della crisi-lampo inauguratasi nella turbolenta fase post referendaria e risolta in un breve lasso di tempo con la formazione del Governo Gentiloni.

L’elezione del Presidente di Commissione permanente è disciplinata dall’art. 20 comma 2 Reg. Cam. e dal combinato disposto degli artt. 27 comma 2 e 4 comma 2 Reg. Sen. Dal punto di vista procedurale va segnalata la differenza di disciplina relativa alla durata del mandato presidenziale. Sussiste infatti una differenza testuale tra i Regolamenti delle due Assemblee, da cui può derivare una vera e propria sfasatura temporale: se nel Regolamento della Camera il rinnovo è chiaramente biennale rispetto alla data di costituzione (ex art. 20, co. 5), in quello del Senato avviene dopo il primo biennio della legislatura (ex art. 21, co. 7). […]

Scarica il testo in formato PDF

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Print this pageEmail this to someone
Questa voce è stata pubblicata in: Cronache costituzionali dall'estero, Nomos e contrassegnata con cronache, Giuliaserena Stegher, Nomos 1/2017. Contrassegna il Permalink.