Felice Besostri, Punti critici per un voto a tempi brevi

Ringrazio gli organizzatori per l’invito  normalmente gli avvocati anche se sono stati ricercatori confermati titolari di corsi non lo sono, ma riservati agli accademici. Dopo essere stato messo in pensione dalla mia Università nella primavera del 2010 le mie opinioni in tema di leggi elettorali non possono essere oggetto di articoli su riviste o  relazioni in convegni universitari posso solo esternarle in giudizi per l’accertamento del diritto di votare secondo Costituzione, che non sono liti finte. Il Giudice può sempre decidere che questo diritto non c’è ma solo di essere ammessi alle elezioni e di impugnare la proclamazioni degli eletti. Anche in questo caso i punti lasciati in sospeso dovremo sollevarli convincendo i giudici che si devono esprimere nelle udienze già fissate in febbraio e marzo ad emettere ordinanze sui punti critici non decisi come infondati dalla Corte Costituzionale

Un passo avanti se le leggi elettorali sono costituzionalmente  necessarie esse devono anche essere necessariamente costituzionali

Ormai il concetto di combinato disposto ha perso significato dopo che è stato usato perla l.n. 52/2015( una legge ordinaria) e la revisione costituzionale sottoposta al referendum costituzionale e pertanto si può parlare di combinato disposto tra consultellum 1 e consultellum 2

  • Si può approvare una legge elettorale con la richiesta di fiducia  stante quanto dispone l’art. 72 c. 4 Cost.?
  • Premio di maggioranza del 40% è compatibile con gli artt. 48 c. 2 ( voto eguale e personale), 56 c.1 e 67 Cost. ( suggestione dell’atto di intervento dell’avvocatura dello Stato)? Con un art. 38 della GG sovrapponibile al nostro art. 48 Cost. per la giurisprudenza del Bundesverfassungsgericht l’Italikum sarebbe stato dichiarato verfassungswidrig, incostituzionale o soluzione Ecuador per evitare il ballottaggio o maggioranza assoluta o 40% ma con il secondo distaccato di più di 10 punti percentuali
  • Capilista bloccati
  • Differenza soglie d’accesso unico del 3% alla Camera, 8, 20 e 3%
  • Presentazione delle candidature solo liste alla Camera liste/coalizioni al Senato, collegato alle soglie
  • Riequilibrio della rappresentanza di genere con la doppia preferenza alla Camera e preferenza unica al Senato […]

Scarica il testo in formato PDF

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Print this pageEmail this to someone
Questa voce è stata pubblicata in: Nomos, Saggi e contrassegnata con Felice Besostri, Il sistema elettorale per le Camere dopo la sentenza della Corte costituzionale, Nomos 1/2017, Saggi. Contrassegna il Permalink.